GLI INCONTRI

OSPITI

18 SETTEMBRE
Errare è peccare?

vito mancuso

Teatro Sociale G. Busca • ore 18.00

BIGLIETTO + GREEN PASS + MASCHERINA

Ambito religioso-filosofico
Nel racconto del Genesi, il primo atto autonomo dell’uomo è un errore: il peccato originale apre la storia condannando l’umanità ad ereditare il peso di quella scelta sbagliata. Si trattò di errore inconsapevole o fu colpa, un atto volontario? L’alternativa all’intrinseca fallibilità umana viaggia su una strada inquietante: c’è davvero bisogno di un serpente che giustifichi gli errori? O è presente in ognuno questa consapevolezza dell’errore, nonostante la quale si sbaglia? 

21 SETTEMBRE
ERRORE DI SISTEMA
Antonietta Potente

Teatro Sociale G. Busca • ore 21.00

BIGLIETTO + GREEN PASS + MASCHERINA

Ambito politico
In politica il confine tra giusto e sbagliato è sottile. Le responsabilità della classe dirigente superano quelle di ogni altra professione: una singola scelta fa la differenza per molti. Eppure, pare che certe decisioni vengano prese alla leggera, inseguendo la corrente del momento. Ma la popolazione non è esente da responsabilità: dimentica gli errori dei propri rappresentanti, perdona loro tutto proprio nel momento in cui dovrebbe giudicarne con il proprio voto la competenza. Dov’è che il meccanismo della politica si è inceppato? Come si può far ripartire?

28 SETTEMBRE
Sbagliare, imitando Cristo
ENZO BIANCHI

Teatro Sociale G. Busca • ore 21.00

BIGLIETTO + GREEN PASS + MASCHERINA

Ambito religioso-teologico
Il libro di pietà medievale De imitatione Christi accompagna il lettore in un percorso di avvicinamento a Cristo, che mira a giungere alla completa unione con Lui. Dove si incontrano perfezione divina e fallibilità umana? Dio non può sbagliare. Però si è fatto uomo, carne. È morto come ogni uomo muore. Gesù Cristo, vero Dio e vero uomo, sbagliò mai? Sicuramente non abbandonò chi sbagliava, stando tra gli “errori” della società; fu ucciso per questo. Non ebbe paura di sporcarsi le mani: è questa forse la parte umano-divina di Gesù più difficile da imitare.  

30 SETTEMBRE
«So di non sapere»
Elena Cattaneo

Teatro Sociale G. Busca • ore 21.00

BIGLIETTO + GREEN PASS + MASCHERINA


Ambito scientifico
La più grande scoperta della scienza è stata l’ignoranza: accettando i propri limiti è stata in grado di imparare dagli errori. La direzione attuale sembra, all’opposto, verso l’assoluta esattezza (pur con vantaggi innegabili e benefici un tempo inimmaginabili). Al di là di ogni finale distopico, è bene interrogarsi su quali debbano essere le priorità: sostituire l’uomo significa non tollerare l’errore? Una società dove non ci sia spazio per lo “sbagliato” ha ancora senso di esistere? 


EVENTI

19 SETTEMBRE
IL SENTIERO DELLE PAROLE
CAMMINATA LETTERARIA

Camminata letteraria condotta dall’attrice Roberta Fornier organizzata dall’Associazione La Morra Eventi&Turismo in collaborazione con Profondo Umano e la libreria Paesi Tuoi.

SU PRENOTAZIONE + MASCHERINA

25 SETTEMBRE
Tutti pazzi per la vita

Serata fuori posto per sguardi eccentrici e cuori erranti 

Santuario Maria SS. Mussotto • ore 18.00

SU PRENOTAZIONE + GREEN PASS + MASCHERINA

Non una conferenza, non una tavola rotonda, non una testimonianza, ma un evento/performance, coordinato da Luciano Fico, per accompagnarci ad esplorare i territori della Follia, al di fuori dei nostri preconcetti e delle nostre paure. Immagini, musica, parole generosamente offerte da chi ha, in qualche modo, percorso strade non ordinarie o ha intrecciato altri destini errabondi.
Un’esperienza da condividere per cominciare a guardare con meno paura e più curiosità anche alle proprie ombre... Per l’occasione il pittore Giancarlo Giordano espone le sue opere, impregnate delle sofferenze incontrate in 23 anni di lavoro presso l’Ospedale Psichiatrico di Racconigi

26 SETTEMBRE
Flow TimE
INSTALLAZIONE + PERFORMANCE

Teatro Sociale G. Busca
APERTURA STRAORDINARIA ore 10-12.30 / 15-19

INGRESSO GRATUITO + GREEN PASS + MASCHERINA

Installazione artistica sperimentale nell’ambito dell’iniziativa TEATRO APERTO.
Performance di danza con Daniele Renzi ore 17.30. La tecnica ha accelerato il ritmo delle nostre esistenze, comprimendo gli spazi e colonizzando ogni aspetto della nostra quotidianità. Velocità, produttività, dinamismo e competenza sono le qualità che mostriamo sulle bacheche dei nostri social. Ma la necessità di renderci visibili ha un prezzo: il nostro tempo. Quali errori, nevrosi e patologie derivano da questa asincronia fra tempo biologico e tecnologico? Il progetto Flow Time riflette sulle strategie di resilienza necessarie per difenderci dalla costante predazione di tempo frutto dall’attuale sistema sociale-economico-politico, per generare - negli spettatori-attori di questa esperienza - uno sguardo più profondo sugli aspetti critici del progresso tecnologico.

Utilizziamo i cookie
Preferenze sui cookie
Di seguito puoi trovare informazioni sugli scopi per i quali noi e i nostri partner utilizziamo i cookie ed elaboriamo i dati. Puoi esercitare le tue preferenze in merito al trattamento e/o visualizzare i dettagli sui siti web dei nostri partner.
Cookie analitici Disattiva tutto
Cookie funzionali
Other cookies
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti e annunci, fornire funzionalità social e analizzare il nostro traffico. Ulteriori informazioni sulla nostra politica per i cookie.
Modifica preferenze Accetta tutto
Cookies